Consacrazione del Mazzo di Tarocchi

Consacrazione del Mazzo di Tarocchi

Il primo passo per apprendere al meglio l’arte divinatoria dei tarocchi consiste nella scelta del mazzo di carte. L’aspirante cartomante dovrà porre molta cura nella scelta del mazzo poiché sarà legato ad esso da un’energia indissolubile e dovrà anche prestare molta attenzione nella fase preparatoria.
In questa fase si procederà con una corretta consacrazione del mazzo che consiste nella mescolazione delle carte e della disposizione su di un tavolo. Tutto dovrà essere svolto con la massima attenzione e senza alcuna distrazione.

La Consacrazione del Mazzo di Tarocchi

La consacrazione del mazzo di tarocchi è un punto fondamentale per ogni consultazione di cartomanzia professionale, poiché stabilisce un legame indissolubile tra il cartomante e i suoi tarocchi, un binomio perfetto che garantirà responsi precisi e affidabili. Un legame che aumenta la corretta interpretazione degli arcani maggiori e minori.
È importante che questo rituale di consacrazione venga ripetuto a cicli continui per evitare che le negatività del mondo possano rendere fragile l’unione tra il cartomante e i suoi tarocchi.
Esistono differenti tecniche di consacrazione e ognuna di esse è valida ma solo se il metodo adoperato è dettato da un profondo amore e rispetto per gli Arcani.
Pertanto, vi descriveremo il nostro cerimoniale di consacrazione e vi invitiamo a ricercare il vostro sulla base delle regole sopra citate.
Il primo consiglio è di affidarsi all’amore e all’istinto nella scelta del mazzo di carte e per evitare condizionamenti estetici delle raffigurazioni, affidatevi al tatto delle vostre mani tenendo gli occhi chiusi. Successivamente procuratevi altri oggetti necessari per il rituale: 2 calici di cristallo riempiti con incenso, una coppetta in argento riempita con sale grosso, 4 candele bianche, una ciotola con dell’acqua benedetta, un panno di seta sempre bianco ed infine il vostro tavolo che utilizzerete sempre per le vostre consultazioni.

Il giorno ideale per procedere al cerimoniale è nel serale dei giorni di luna crescente nelle ore comprese dalle 18 alle 24 che è l’orario limite. Il rituale dovrà iniziare prima con la preparazione del vostro corpo che dovrà essere puro e pulito da qualsiasi contaminazione: è consigliabile un bagno caldo di circa 1 ore con oli essenziali di lavanda e sandalo. Il vestiario per il rituale dovrà essere puro e candido, il bianco è consigliato ma non indispensabile, da evitare qualsiasi colore sgargiante e qualsiasi ornamento metallico e per le nostre amiche evitate di eseguirlo durante i giorni mestruali.
Successivamente orientate il tavolo scelto verso il nord, aiutandovi con la bussola e disegnate con il sale un cerchio intorno al tavolo assicurandosi di non unire le estremità affinché possiate attraversare il perimetro senza interferire con il rituale.

Posate al centro del tavolo il mazzo di tarocchi e ponete anche le candele sopra i punti cardinali (nord, sud, est e ovest). Le due ciotole con l’incenso vanno poste una sul tavolo e l’altra sul pavimento direzionata verso il nord. Ponete il mazzo dei tarocchi, rivolto verso il basso, al centro del tavolo e disponete sul pavimento le 4 candele posizionandole in corrispondenza dei punti cardinali. Le due ciotole con l’incenso vanno poste una sul tavolo e l’altra sul pavimento, in modo da descrivere una linea retta che unisca le carte alla candela posta a nord.  Terminata questa fase, entrate dentro il cerchio e chiudetelo definitivamente senza oltrepassare la circonferenza fino al termine del rituale, infine accedente le candele e l’incenso.

Prendete il mazzo e distribuite i tarocchi su tutto il tavolo e ricompattateli, questa pratica serve a sottolineare l’ordine che precede la prima fase del caos. Successivamente inizia la purificazione di ogni Arcano passandolo tra i fumi d’incenso e con il massimo silenzio si pronuncia questa formula:

“ARCANO MAGGIORE DI ……………  IO TI CONSACRO E GIURO DI INVOCARTI SOLO PER IL BENE E LA LUCE”

Ponete la carta purificata sul tavolo rivolta verso l’alto e alla destra del mazzo, ripetendo la formula per le successive carte. Al termine della procedura di purificazione con l’incenso, prendete l’acqua benedetta e disegnate una croce sul dorso del mazzo. Terminata la fase di consacrazione del mazzo di tarocchi, spegnete le candele e ponete il vostro mazzo alla luce diretta della Luna per tutta la notte (attenzione che la luce deve essere diretta senza alcun vetro davanti).

Trackback/Pingback

  1. Corso base di Cartomanzia ⋆ Tarocchi 365 - […] Nei prossimi giorni tratteremo altri argomenti come la descrizione degli arcani e la consacrazione del mazzo. […]

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *